Argomenti

4 risultati trovati - pagina 1 di 1

    • Michele Ansani    Gino Cervi    Gianni Sacco    Claudio Sanfilippo   

      1899 A.C. Milan

      Le storie

      120 anni di storia sentimentale in rosso e nero. Dal Milan delle origini ai nostri giorni: scudetti, coppe, palloni d’oro, partite epiche, stadi di tutto il mondo e soprattutto campioni leggendari raccontati come in un grande romanzo popolare.

      Una passione tramandata di generazione in generazione, dagli albori al Gre-No-Li, da Schiaffino a Rivera, da Rocco a Sacchi, dalla dinastia Maldini a Van Basten e a Shevchenko, passando per Wembley, la “fatal Verona”, Barcellona, Atene, Istanbul e ancora Atene, e in attesa della riscossa.

      Perché, come cantava Jannacci, «E allora sarà ancora bello quando t’innamori, quando vince il Milan».

    • Mauro Colombo    Luigi Ferro    Maurizio Harari    Andrea Maietti    Roberto Torti   

      1908 FC Inter

      Le storie

      Vittorie e rovesci della squadra più internazionale e beneamata d’Italia; se l’Inter non esistesse, bisognerebbe inventarla per rendere più avvincenti le vite dei tifosi, non solo interisti, ma di tutta Italia.

      Raccontare la storia dell’Inter significa imbattersi in continui rovesciamenti di fortuna: uno scudetto al secondo anno di vita e poi dieci anni di astinenza. Altro scudetto e poi due spareggi per non retrocedere. La gloriosa epopea dell’Ambrosiana Inter e di Peppino Meazza che segue il crollo dello stadio.

      Molti campionissimi croce e delizia del tifoso hanno giocato nell’Inter: Nyers, Skoglund, Benito “Veleno” Lorenzi, Suarez, Mariolino Corso, il Becca, Recoba. Sono loro che rappresentano meglio di tutti le montagne russe dell’Interismo, ma poi certo ci sono anche gli affidabilissimi Mazzola, Facchetti, Rummenigge, Mattheus, Bergomi, Zanetti e così via. Personalità carismatiche come Herrera e Mourinho. Tanti presidenti, da Angelo Moratti al figlio Massimo, che dopo un decennio di insuccessi, cambi di allenatori e nervosismi vari, ha lasciato ai tifosi il magnifico ricordo degli allori del Triplete.

      Con la prefazione di Maurizio Cucchi, tifosissimo della Beneamata come tanti poeti, da Vittorio Sereni in poi, con una lunga intervista a Massimo Moratti e con le tavole di Osvaldo Casanova, illustratore cult nel mondo del calcio, è un volume da tirar fuori nei momenti di esultanza o di sconforto. Perchè l’Inter è questa.

    • Giorgio Rocca    Thomas Ruberto   

      Slalom

      Vittorie e sconfitte tra le curve della mia vita

      Come puoi sognare di diventare un campione di sci se non hai un talento innato e sei un bambino in sovrappeso? Come puoi decidere di continuare a lottare per emergere se, a vent'anni, all'esordio in Coppa del Mondo frantumi il ginocchio a metà gara? Come puoi riuscire a vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi di casa se sulle spalle porti l'enorme peso delle aspettative di un intero Paese?

      Con una buona dose di autoironia e una carica di sincerità, sempre in bilico tra l'azione e l'emozione e tra la gioia e la delusione, Rocca descrive le esperienze sportive e umane che l'hanno portato a primeggiare sulle piste di tutto il mondo, in un'epoca non lontana in cui lo sci alpino era alla disperata ricerca dell'erede di Alberto Tomba.

      Un amore corrisposto che gli ha permesso di conquistare, in una carriera lunga quattordici anni, la Coppa del Mondo di slalom, tre medaglie di bronzo ai Mondiali e undici vittorie nel Circo Bianco.