Argomenti

253 risultati trovati - pagina 1 di 26

    • Paul Polman    Andrew Winston   

      Net positive

      Un business etico per una crescita sostenibile e profittevole

      Il cambiamento climatico inarrestabile e l’ineguaglianza dilagante stanno devastando il mondo e costando una fortuna. Chi ci porterà verso un futuro migliore? Il business.

      Queste due difficilissime sfide, che si sommano ad altri cambiamenti profondi come le pandemie, la pressione sulle risorse e la contrazione della biodiversità, minacciano la nostra stessa esistenza. Ci sono però altri megatrend, come la spinta verso l’economia pulita e l’attenzione sempre crescente per l’inclusione, che possono rappresentare nuove opportunità di risanare il mondo, traendone un guadagno. I governi non possono riuscirci da soli: è il business che dovrebbe farsi avanti per aiutare.

      In questo libro emblematico, Paul Polman, ex CEO di Unilever, e Andrew Winston, guru del business sostenibile, fanno a pezzi cinquant’anni di dogmi aziendali, svelando per la prima volta alcune lezioni essenziali, tratte dall’esperienza di Unilever e da altre aziende pioniere sul modo in cui si può riuscire a ottenere profitti contribuendo a risolvere i problemi del mondo, invece di crearli.

      Per riuscire a prosperare non solo nel momento presente, ma anche in futuro, le aziende devono diventare “net positive”, dando al mondo più di quanto prendono. Non si tratta di una fantasia utopistica: vi sono dei leader coraggiosi che già oggi stanno rendendo reale questo processo, in un momento in cui la posta in gioco è altissima.

      Net positive, con la sua visione e le storie coinvolgenti che racconta, stabilisce alcuni principi e prassi grazie ai quali portare avanti il cambiamento e la trasformazione su grande scala di cui il mondo ha un disperato bisogno.

    • Vittorio Martinelli    Luigi Ranieri   

      Trova la tua strada

      Coach yourself

      Il tema dell’orientamento professionale sta diventando sempre più centrale per realizzarsi nel lavoro.

      Quanti di noi, infatti, al di là dell’età anagrafi ca e del job title, convivono con domande del tipo “Quale sarà il mio futuro lavorativo?”, “Dove potrò far emergere i miei talenti?” o, ancora, “Come posso fare a cambiare lavoro?”.

      Forti dell’esperienza maturata in decenni di lavoro in multinazionali e come coach, gli autori condensano in queste pagine spunti e strategie per partire subito con il piede giusto.

      Un libro che mette a disposizione di chi si sta affacciando al mondo del lavoro, o ha già un impiego, tutta l’esperienza che si matura in anni di attività sul campo e che consente di creare la propria identità professionale, unico e indispensabile bagaglio per accelerare la propria crescita fin dagli esordi.

      L’alternanza tra parti teoriche e il vivido racconto di numerosi C-Level e liberi professionisti che sono riusciti a coniugare lavoro e passione rende il testo di facile consultazione e applicazione, per i neolaureati e per tutti coloro che desiderano continuare a crescere nella professione.

    • John A. List   

      Idee ad alto voltaggio

      Come tradurre un’idea in un successo su vasta scala

      Perché alcune grandi idee si realizzano mentre altre non riescono a decollare?

      Se non esiste un modo per prevedere con assoluta certezza che un’idea avrà successo, la storia recente ha dimostrato che alla base di ogni progresso sociale e tecnologico c’è sempre il concetto di «scalabilità»: che si tratti di una scoperta in ambito medico, di un programma politico o di un’innovazione tecnologica, un progetto deve poter crescere ed essere replicabile in maniera sostenibile su larga scala.

      Tradurre un’idea in un successo dipende quindi sostanzialmente dal fatto che tale idea sia in grado di garantire un «alto voltaggio», la possibilità cioè di essere replicabile con la giusta energia e in diversi luoghi.

      Dalla contaminazione tra le teorie della behavioral economics e la sua lunga esperienza sul campo come consulente di società internazionali, List mette a punto una vera e propria scienza dello scaling e, analizzando vari casi del mondo del business, della politica, della scuola o della salute pubblica, ne identifica i fattori chiave.

    • Giovanni Siri   

      Cambiamente

      Una nuova mentalità per guardare al futuro

      Incertezza e complessità sono ormai pane quotidiano delle nostre vite, dei nostri stati d’animo e del nostro lavoro.

      Da qui la crescente richiesta da un lato di grandi sintesi storiche e dall’altro di ricette operative. Anche questo saggio si occupa del tema, ma lo fa evitando sia la strada della diagnosi intellettuale sia quella dell’offerta di prescrizioni.

      Muove, piuttosto, dall’analisi della nostra “mentalità moderna” offrendo un’esperienza di lettura rivelatrice dei propri schemi mentali quotidiani. Il lettore scopre quanto la percezione di una “età dell’incertezza” dipenda da un “disturbo visivo”: guardiamo la realtà attraverso le lenti di una modernità che è già andata oltre.

      Il libro si rivolge a tutti coloro che sentono il bisogno di comprendere il senso del presente per fare scelte responsabili, innanzitutto a chi ha professionalmente responsabilità decisionali come manager, formatori ed educatori, nella convinzione che aziende ed agenzie educative siano oggi le rampe di lancio del cambiamento reale.

    • Philip Kotler    Svend Hollensen    Marc Oliver Opresnik   

      Social media marketing

      Marketer dal phygital al metaverso

      Nuova edizione riveduta e ampliata di un bestseller internazionale che si conferma punto di riferimento essenziale per i marketer che vogliono capire gli scenari, le novità e le possibilità nascoste nel metaverso.

      Social Media Marketing, considerato da BookAuthority uno dei migliori manuali di marketing a livello mondiale, continua ad accompagnare il lettore nel labirinto di community, piattaforme e risorse social, presentando nuovi contenuti tecnici e illustrando le ultime ricerche nell’ambito del social media marketing, del metaverso e del loro impatto su imprese, organizzazioni e clienti.

      Gli argomenti teorici di maggior rilevanza sono affrontati in modo da favorire l’applicazione delle conoscenze ai processi decisionali. Studenti, marketer e professionisti saranno così in grado di decidere con competenza quali strumenti adottare e come utilizzarli nella maniera più efficace per mettere a punto le strategie social.

    • Bernadette Jiwa   

      I segreti dei grandi narratori

      Sette strategie per diventare la versione più influente e ispirazionale di se stessi

      Da sempre la narrazione è uno strumento usato per intrattenere, insegnare e offrire spunti di riflessione negli altri. Al di là dei luoghi comuni, l’abilità narrativa non è affatto innata: si tratta, piuttosto, di una competenza che ognuno di noi può apprendere e perfezionare. In questo libro, l’autrice di bestseller e insegnante di storytelling Bernadette Jiwa condivide sette strategie per diventare grandi narratori e spiega come svilupparle al fine di creare fiducia e stringere rapporti con chi legge o ascolta.

      Scoprirete come essere più presenti e in sintonia con il mondo che vi circonda; come trovare la meraviglia nel quotidiano e sfruttare la forza del particolare; come parlare a cuore aperto e raccontare la vostra verità. Per ultimo, ma non meno importante, imparerete a riconoscere e riprodurre gli schemi narrativi delle storie più potenti, così da tracciare un percorso emotivo che vi porterà fino al cuore del vostro pubblico.

      Una volta trovata la vostra voce riuscirete a concretizzare il cambiamento che desiderate – che sia infondere speranza ai membri del team, creare un rapporto di fiducia con i clienti o consolidare una relazione.

      Edizione italiana arricchita dalle pagine Lo storytelling è cambiamento, a cura di Cristiano Carriero.

    • Giorgio Taverniti   

      Google liquido

      Verso una nuova Internet

      Google è cambiato – si è fatto liquido – ma sono ancora pochi coloro che lo hanno compreso e che lo approcciano nel modo corretto.

      La realtà è che la maggior parte di chi opera nel mondo della comunicazione e del marketing è come se fosse ancora ferma al 2007, quando Google era una realtà statica e solida.

      Proprio da questa mancanza di comprensione del nuovo panorama digitale nasce Google liquido, come risposta al vuoto di conoscenza che contribuisce a mantenere tutt’ora vive problematicità di un passato tecnologico ormai superato. Un libro di visione, dunque, utile a tutti coloro che fanno uso di Google e di Internet: chi crea contenuti, chi li organizza, chi li ottimizza ma anche chi li cerca. Perché oggi Google è molto di più di un motore di ricerca, è Internet stessa e se non si conosce il suo ecosistema diventa impossibile giocare al suo gioco e sfruttarne le possibilità di business.

      Completano il libro gli interventi inediti di Andrea Pernici e Marco Quadrella, tra le pochissime persone al mondo ad aver trovato una falla di sicurezza nei risultati di ricerca di Google.

      Google liquido è il libro da leggere per capire cosa sia oggi Google e, di conseguenza, cosa sia Internet oggi.

    • Cristiano Carriero    Sebastiano Zanolli   

      Post social media era

      Costruire community, relazionarsi e fare business oltre l'algoritmo

      I social media, negli ultimi anni, sono diventati potenti mezzi di comunicazione. A disposizione di chiunque abbia uno smartphone. Ma è utile “vivere di social media”? Sono numerosi i cambiamenti che si affacciano sulla scena: si passa dal pubblico al privato, dall’individuale al collettivo, dalla neutralità alla responsabilità.

      La Post Social Media Era è arrivata e porta con sé una nuova versione delle connessioni, creando comunità attendibili, dai contenuti che possano arricchire, in cui la metrica chiave è la fiducia.

      È essenziale ritagliarsi il tempo per fare qualcosa che conti per se stessi: abbattere le distrazioni sterili e renderlo una priorità. Fare rete. E per farlo servono le persone, non gli algoritmi. “Quello che ci aspetta, in definitiva, è un futuro più sociale e meno social”. Un ritorno all’umano, per abbracciare la Joy of missing out, abbandonando l’improduttiva FOMO. Tutto è content: sta a noi scegliere come valorizzarlo.

    • Vincenzo Russo    Giorgio Gabrielli   

      Neuroselling

      Il contributo delle neuroscienze alle tecniche di vendita

      In un contesto fortemente competitivo, in cui la relazione commerciale è un elemento critico, sapere quali soluzioni e comportamenti sono più funzionali per il successo della vendita diventa strategico.

      Dall’inizio degli anni Duemila, lo sviluppo di potenti strumenti di indagine sul cervello e le neuroscienze hanno reso possibile scoprirli: oggi, infatti, sappiamo come vengono prese le decisioni e, di conseguenza, possiamo applicare queste fondamentali conoscenze alle relazioni commerciali.

      Con il neuroselling – quella disciplina che considera centrali, nei processi di vendita, le funzioni del cervello e il rapporto della mente umana con emozioni e scelte – tutti i venditori potranno diventare dunque più efficaci ed efficienti, aumentando le vendite e mandando in soffitta conoscenze obsolete che non servono più a nulla.

    • Ray Dalio   

      I principi per affrontare il nuovo ordine mondiale

      Dal trionfo alla caduta delle nazioni

      Alcuni anni orsono, Ray Dalio ha cominciato a notare una convergenza di condizioni politiche ed economiche che non aveva mai visto prima. Forte indebitamento e tassi di interesse prossimi o uguali allo zero, che spingevano alla stampa di moneta in proporzioni massicce nelle tre valute di riserva principali del mondo; gravi conflitti politici e sociali all’interno dei Paesi a causa delle più forti disparità di ricchezza, di idee politiche e di valori; e l’ascesa di una potenza mondiale (la Cina) che sfida la potenza in carica (gli USA) e l’ordine mondiale esistente.

      L’ultima volta che questi elementi si erano presentati insieme era tra il 1930 e il 1945.

      Partendo da qui, Dalio ha iniziato a ricercare gli schemi ricorrenti e le relazioni causa-effetto alla base dei principali spostamenti della ricchezza e del potere negli ultimi cinquecento anni.

      In questa straordinaria e tempestiva nuova puntata della serie dei Principi, Dalio accompagna i lettori nel suo studio dei grandi imperi – tra cui quelli olandese, britannico e americano – mettendo in prospettiva il “Big Cycle” che in tutto il corso della storia ha guidato le sorti dei grandi Paesi del mondo. Rivela le forze eterne e universali che determinano queste trasformazioni e le usa per scrutare nel futuro, offrendo la sua strategia per prepararci a ciò che ci attende.