Soggetto: studi-traduttivi

19 risultati trovati - pagina 1 di 2

    • Marella Magris    Maria Teresa Musacchio    Lorenza Rega    Federica Scarpa   

      Manuale di terminologia

      Aspetti teorici, metodologici e applicativi

      L’opera fornisce un’introduzione ai metodi di descrizione e gestione della terminologia, una disciplina nuova e di sicuro interesse data l’importanza crescente delle lingue speciali e la conseguente necessità di banche dati e dizionari specializzati. Il testo nasce dal contributo di vari esperti italiani e stranieri che da anni si occupano in ambito accademico e professionale dei problemi connessi alla terminologia e terminografia. Rappresenta la prima pubblicazione sistematica sulla materia in lingua italiana. Data la struttura articolata in agili capitoli su aspetti specifici, il volume costituisce non solo un valido testo didattico per le Facoltà e le Scuole di traduzione e interpretazione e per i corsi di lingua attivati presso le Facoltà anche scientifiche, ma anche un’utile opera di riferimento per gli operatori che gestiscono banche dati terminografiche.
    • Jean Delisle    Hannelore Lee-Jahnke    Monique C. Cormier   

      Terminologia della traduzione

      Terminologia della traduzione si propone come strumento di spiegazione e approfondimento del significato e dell’uso di circa 200 termini e locuzioni più usati nella pratica e nella descrizione teorica della traduzione. Per ognuno la definizione è seguita da esemplificazioni e dall’indicazione dei rapporti di sinonimia e antonimia con altre unità terminologiche in italiano nonché degli equivalenti in francese, inglese, spagnolo e tedesco.

      Il volume si rivolge ai professionisti della traduzione, ai docenti e agli studenti delle Facoltà umanistiche il cui corso di laurea di primo o di secondo livello prevede la comunicazione interlinguistica e/o interculturale e a tutti coloro la cui scelta accademica o professionale richieda competenza traduttiva.

    • Bruno Osimo   

      Storia della traduzione

      Riflessioni sul linguaggio traduttivo dall'antichità ai contemporanei

      Nel volume vengono analizzati i contributi di oltre cento pensatori di varie discipline che hanno in qualche modo contribuito, con riflessioni su linguaggio e comunicazione, all’evoluzione del concetto di “traduzione” nel corso dei secoli. La trattazione si snoda cronologicamente dall’epoca classica al ’900 attraverso la lettura commentata dei testi originali di filosofia, semiotica, psicologia, linguistica, critica letteraria. Sono presenti anche i pareri di diversi scrittori e traduttori.
      Per ogni autore viene descritto in sintesi il contributo all’evoluzione del pensiero semiotico e/o linguistico in relazione all’idea di traduzione, con suggerimenti bibliografici di approfondimento.
      Il volume è rivolto agli studenti universitari di Teoria e storia della traduzione nell’ambito dei corsi di laurea in Scienze della mediazione culturale e linguistica, in Lingue e letterature straniere e presso gli Istituti Superiori per Interpreti e Traduttori.
    • Mario Paolinelli    Eleonora Di Fortunato   

      Tradurre per il doppiaggio

      La trasposizione linguistica dell'audiovisivo: teoria e pratica di un'arte imperfetta

      Dalla nascita del cinema sonoro l’industria cinematografica si è trovata a dover risolvere il problema delle barriere linguistiche che rendevano il proprio prodotto non commerciabile al di fuori dei confini della lingua in cui i film erano girati. Questo volume esamina le peculiarità della trasposizione linguistica dell’audiovisivo, la sua origine e il suo potere di condizionamento dei comportamenti, non soltanto linguistici. La trattazione offre inoltre una panoramica sulla legislazione, la normativa e la struttura del mercato del doppiaggio in Italia, e affronta il tema delle strategie necessarie per potenziare, attraverso il doppiaggio, la circolazione del cinema europeo nel mondo. Come “caso applicativo” viene svolta l’analisi dell’adattamento del film Jackie Brown di Quentin Tarantino, con un confronto tra testo originale e versione italiana e un esame puntuale delle ragioni tecniche ed espressive che hanno motivato le scelte operate. Infine a completamento del volume un’ampia bibliografia consente ulteriori approfondimenti.
    • Mariachiara Russo    Gabriele Mack   

      Interpretazione di trattativa

      La mediazione linguistico-culturale nel contesto formativo e professionale

      L’interpretazione di trattativa è una nuova professione dall’accezione ampia che oltre all’ambito commerciale-aziendale ricopre anche quello sociale, sanitario e giudiziario, settori in cui la figura dell’interprete-mediatore linguistico-culturale diventa sempre più indispensabile alla luce dei costanti flussi migratori. A fronte delle crescenti richieste del mercato sono aumentate le offerte formative di livello accademico e la materia è ora insegnamento professionalizzante previsto per la classe delle lauree nelle Scienze della Mediazione Linguistica.
      Il presente volume, primo in Italia nel suo genere, si incentra su questa nuova figura di cui descrive le competenze, i percorsi didattici e i molteplici ambiti applicativi.
      Il testo si rivolge agli studenti e ai docenti dei corsi di laurea triennale in Scienze della Mediazione Linguistica, ai professionisti, interpreti e mediatori operanti in ambito aziendale, socio-sanitario e giudiziario, e agli studiosi di analisi conversazionale e di comunicazione interculturale.
    • Lisa Badocco   

      Dire, fare, tradurre

      Terminologie tecniche per la mediazione linguistica. Inglese-italiano

      Questo volume costituisce una guida agile e pratica al lessico di base per le traduzioni specializzate che costituiscono la stragrande maggioranza dell’attività traduttiva dall’inglese all’italiano.
      Il testo si articola in quattro parti che sostanzialmente corrispondono ai quattro settori principali in cui si possono raggruppare le terminologie tecniche: il settore politico-istituzionale, il settore economico, il settore scientifico, il settore tecnico. Ogni settore è introdotto da un breve testo esemplificativo da cui vengono estrapolati, spiegati e contestualizzati (nei diversi argomenti) i vari vocaboli che costituiscono il linguaggio settoriale di quell’ambito specialistico.
      A fine volume un ampio indice analitico (inglese-italiano e italiano-inglese) raccoglie in ordine alfabetico tutti i termini citati nel libro.
      Il testo è adottabile presso i corsi di Terminologie tecniche attivi presso le scuole di traduzione, ma dato il taglio pratico e la facilità di consultazione per aree tematiche è uno strumento utile anche per gli interpreti e traduttori professionisti.
    • Bruno Osimo   

      La traduzione saggistica dall’inglese

      Guida pratica con versioni guidate e glossario

      Dopo la pubblicazione di vari compendi teorici, ecco un volume prettamente pratico che accompagna lo studente dei corsi di lingua, mediazione culturale o mediazione linguistica, il giovane professionista o il dilettante appassionato attraverso tutte le fasi del lavoro concreto su un testo inglese di carattere non tecnico-specialistico e non narrativo.
      La prima parte è dedicata a una rapida sintesi dei concetti teorici di base e all’analisi dei vari ausili all’attività traduttiva (dizionario bilingue, monolingue e dei sinonimi, enciclopedia, risorse informatiche e telematiche...). La sezione centrale è la seconda, più operativa, in cui vengono analizzati e tradotti passo a passo sette testi originali inglesi che rappresentano tipi diversi di saggi.
      Il volume si rivolge agli studenti universitari di mediazione linguistica, traduzione, lingue e agli aspiranti traduttori di testi di saggistica.
    • Domenico Cosmai   

      Tradurre per l’Unione Europea

      Prassi, problemi e prospettive del multilinguismo comunitario dopo l'ampliamento a est

      La seconda edizione di questo testo nasce dall’esigenza di recepire i profondi cambiamenti organizzativi e metodologici intervenuti capillarmente all’indomani degli ampliamenti dell’UE del 1° maggio 2004, prima, e del 1° gennaio 2007, poi, ai paesi dell’Europa centrorientale. La necessità di integrare ben 12 nuovi Stati membri e 11 lingue ufficiali nella costruzione comunitaria ha in effetti portato a un ripensamento in certi casi radicale di prassi lavorative consolidate da decenni e in fondo della stessa idea di multilinguismo comunitario. Quasi completamente riscritte sono state le parti relative alla prassi nelle singole istituzioni europee, al percorso professionale e al futuro della traduzione comunitaria. È stata ampliata la sezione sulle applicazioni informatiche, che forma ora un capitolo a sé stante. Anche l’ultimo capitolo sugli esempi di testi tradotti e riveduti è stato integrato con tre nuovi esempi rispettivamente dal francese, dall’inglese e dallo spagnolo. Una capillare operazione di aggiornamento ha infine riguardato i dati statistici sparsi in tutto il volume, la bibliografia e la sitografia.
    • Federica Scarpa   

      La traduzione specializzata

      Un approccio didattico professionale

      La stragrande maggioranza dell’attività traduttiva dall’inglese all’italiano è costituita da traduzioni specializzate. Questo volume da un lato rappresenta uno strumento completo di orientamento sullo “stato dell’arte” delle metodologie di traduzione tecnico-scientifica e, dall’altro, fornisce un valido supporto per la didattica e la prassi della traduzione, come confermato dall’ottimo successo della prima edizione.
      Oltre a un generale aggiornamento delle fonti bibliografiche, la novità più significativa di questa nuova edizione è la riorganizzazione dei capitoli sulla qualità della traduzione e sulla professione del traduttore, rivisti e ampliati a riflettere i notevoli sviluppi recenti nel mondo professionale. Nel capitolo sulla qualità sono state ampliate le sezioni sulla revisione e sulla valutazione degli errori ed è stata inserita una sezione sulle norme professionali, mentre alla competenza traduttiva è dedicato un intero nuovo capitolo. Nel capitolo sulla professione è dato più spazio alle recenti tecnologie di supporto al lavoro del traduttore e sono state aggiunte le sezioni sulla responsabilità del traduttore e sui rapporti tra università e mercato.
      Il volume si rivolge agli studenti dei corsi universitari di Traduzione, Mediazione Linguistica e Comunicazione Interlinguistica Mediata di livello triennale e magistrale nonché ai traduttori o cultori della materia con una formazione specialistica in ambito tecnico-scientifico.
    • Alexandar Lûdskanov   

      Un approccio semiotico alla traduzione

      Dalla prospettiva informatica alla scienza traduttiva

      Di questo libro, scritto con l’idea di dare materiale ai programmatori per realizzare la “macchina che traduce”, viene proposta al pubblico italiano la parte teorica.

      Il processo della traduzione viene qui scomposto nelle sue unità elementari e minuziosamente descritto servendosi degli strumenti della semiotica. La prospettiva proposta è generale: creare una disciplina della traduzione che si basi su dati di fatto e su termini scientifici, evitando il ricorso a generiche parole che determinano l’incagliarsi del dibattito intorno a sterili discussioni di principio. Un approccio produttivo alla traduzione deve necessariamente consistere in una teoria della pratica, e non in una teoria della teoria.

      Ne esce un quadro unico che interessa tutti i tipi di traduzione, da alcuni studiosi considerati non paragonabili (traduzione narrativa, traduzione saggistica, traduzione settoriale, traduzione poetica), ma che invece qui svelano i loro elementi di comunanza, al di là dell’apparente disomogeneità.

      Il volume si rivolge ai traduttori e ai cultori della materia, ma può essere anche un valido strumento di approfondimento per gli studenti dei master e dei workshop in traduzione e dei corsi di laurea specialistica in traduzione.