Soggetto: cultura-e-civilta

6 risultati trovati - pagina 1 di 1

    • Andrea De Benedittis   

      Introduzione alla cultura coreana

      Aspetti linguistici, storici e religiosi del Paese del Calmo Mattino

      Questo volume illustra gli aspetti fondamentali della cultura della Corea, oggetto di sempre maggiore interesse da parte del mondo occidentale. Corredato di un apparato iconografico di illustrazioni, mappe e schemi che rendono più vivace e intuitiva la trattazione, il testo si articola in cinque sezioni principali che descrivono aspetti specifici della civiltà coreana: la lingua e la scrittura, la geografia del Paese, le origini del popolo coreano, la storia e le religioni della Corea. Il manuale fornisce una chiave di lettura della cultura coreana nel suo complesso, lasciando che i coreani raccontino direttamente se stessi; i contenuti del volume si basano pertanto principalmente su fonti locali. Nel testo e nelle mappe i personaggi storici, i toponimi e i termini tecnici sono accompagnati dalla trascrizione in alfabeto coreano. Il volume si rivolge non solo agli studenti universitari di lingua e cultura coreana, ma a chiunque sia interessato a conoscere la storia e la civiltà dell’Asia Orientale.

    • Daniela Bonciani   

      Beseda s tekstom. Analisi del testo letterario per temi

      Il volume è una guida alla lettura e all’analisi del testo letterario russo rivolta agli studenti universitari dei corsi di Letteratura russa e di Traduzione dei testi letterari, e in generale a tutti i russisti che abbiano acquisito una conoscenza del russo almeno a livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. L’obiettivo principale è sia fornire gli strumenti necessari ad ampliare e approfondire la conoscenza della letteratura russa in originale, sia guidare alla comprensione approfondita di testi complessi e all’acquisizione di adeguate strategie di lettura ed analisi. In questo modo si sviluppa una competenza letteraria critica che consente di comprendere linguisticamente un testo letterario, capirne lo scopo, apprezzarne il contenuto, coglierne le implicazioni intertestuali ed extratestuali. La metodologia è finalizzata a un apprendimento costruttivo che privilegi l’autonomia del lettore nel processo di scoperta ed esplorazione del testo letterario e gli consenta di esprimere in forma personale e creativa le impressioni ricevute e di fare collegamenti con altri saperi. Il manuale è suddiviso in 4 unità tematiche che presentano opere di autori russi dal XIX secolo ai nostri giorni tra i più rappresentativi sia per attualità e interesse delle problematiche proposte, sia per la possibilità di operare collegamenti tra la cultura dello studente e quella del paese straniero. Ciascun testo è corredato di attività ed esercizi che consentono un approccio a vari livelli di competenza in base alle conoscenze dei discenti. I moduli proposti non sono collegati in base a un principio di crescente difficoltà e di sequenzialità diretta, e possono pertanto essere scelti nell’ordine e nella quantità desiderata anche in modo trasversale.

    • Daniela Bonciani    Raffaella Romagnoli    Natalia Smykunova   

      Mir tesen. Fondamenti di cultura russa

      Livelli A1-B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue

      Mir tesen è un testo di cultura russa specificamente orientato a studenti italiani; può essere utilizzato fin dal livello iniziale di conoscenza del russo (livello A1) per giungere fino al livello intermedio (livello B1). Il volume è strutturato in tre parti, di cinque lezioni ciascuna, dedicate rispettivamente a testi di competenza linguistica A1, A2 e B1. La successione delle lezioni è determinata dal principio di difficoltà progressiva dei contenuti dal punto di vista linguistico. I materiali scritti e iconografici presentati trattano argomenti non solo di storia e letteratura, ma anche di arte, attualità, costume, società ed economia, tutti di particolare interesse nel panorama culturale della Russia di ieri e di oggi. I brani sono stati scelti nell’ottica di favorire un dialogo tra la cultura italiana e quella russa e di aiutare gli studenti ad approfondire la conoscenza del paese Russia, percependolo non come estraneo, ma come vicino e affine, contribuendo in tal modo a formare una competenza interculturale. La tipologia degli esercizi e delle attività proposte consente lo sviluppo delle quattro abilità linguistiche, pur essendo preminente quella della comprensione scritta. Sono inoltre presenti esercizi di traduzione.

    • Miriam Castorina   

      La cultura cinese

      Manuale di mediazione linguistica

      La cultura cinese presenta in forma agile e semplificata alcuni dei tratti distintivi della cultura millenaria del “Regno di Mezzo”, al fine di costituire un primo e facile approccio alla studio e alla conoscenza della Cina e della sua straordinaria cultura. Per lo stesso motivo, ognuna delle unità di cui si compone questo volume è accompagnata da “parole chiave” in cinese, in modo da aiutare lo studente, l’aspirante mediatore linguistico-culturale o anche il semplice appassionato a costruirsi un primo lessico di base sugli argomenti trattati.

      Il manuale è suddiviso in 8 unità che affrontano vari aspetti della Cina di oggi e di ieri: lo stato, la geografia, la storia, il pensiero, la lingua, l’arte, i costumi e le tradizioni, la storia dei contatti tra la Cina e l’Italia e la migrazione cinese in Italia. Segue un’appendice con un elenco di modi di dire classificati per situazioni e di termini utili per la mediazione. Ogni unità è completata da un glossario dei vocaboli utilizzati e da alcuni esercizi di traduzione e di autoverifica della memorizzazione dei caratteri cinesi.

      Il testo, concepito per chi sa poco del mondo cinese e vuole gettare le basi per una conoscenza futura più ampia e approfondita, si presta a essere utilizzato a qualsiasi livello e a fornire ulteriori spunti attraverso numerose schede di approfondimento.

    • Stefania Cochetti   

      Pogovorim o rossii. Introduzione alla cultura russa

      Il volume si rivolge a tutti coloro che, in possesso di un livello base o intermedio (A2/B1) di competenza linguistica, desiderino intraprendere lo studio della cultura russa, leggere in originale testi letterari, arricchire il proprio vocabolario, migliorare la capacità comunicativa, verificare le proprie cognizioni e abilità.

      Il percorso proposto è suddiviso in tre parti: inizia con lo studio della geografia della Russia, esamina poi alcune tappe significative della sua storia e si conclude con la letteratura, illustrata attraverso una lettura guidata di racconti e brani originali, nonché attraverso l’analisi di alcuni dei movimenti letterari e degli autori più rappresentativi.

      Ricco di box dedicati al lessico, il volume presenta sempre testi calibrati sulle prevedibili difficoltà degli studenti, mentre gli esercizi proposti, orali e scritti, consolidano e accrescono la conoscenza della lingua, sviluppando le capacità di comprensione e produzione.

    • Annalisa Cosentino   

      Storie di Praga

      Un percorso nella cultura ceca

      Nel cuore dell’Europa e all’intersezione del mondo germanico e del mondo slavo, Praga è stata nei secoli, dal Medioevo alla modernità, il centro di una cultura plurale che si è espressa in lingue, confessioni e istituzioni diverse – latina, ceca e tedesca, cattolica, protestante ed ebraica. Viaggio nella cultura praghese tra storia e mito, questo volume propone un breve percorso nella cultura centroeuropea, costruito attraverso storie accadute nei secoli passati e nel Novecento, narrate dalle voci autentiche dei protagonisti, in un dialogo con testi letterari, saggistici, storici e documentari.

      Capita così d’incontrare figure storiche di rilievo internazionale come l’imperatore Carlo IV, che donò a Praga la prima università dell’Europa centrale, o Jan Hus, l’autore della prima riforma protestante. E grandi scrittori come Jan Neruda, Franz Kafka, Jaroslav Hašek, Karel Čapek, Jaroslav Seifert, Bohumil Hrabal, Václav Havel.

      Un racconto che si ferma alle soglie dell’ultimo decennio del XX secolo, quando una rivoluzione profonda – sebbene non violenta, anzi «di velluto» – apre una nuova fase nella storia e nella cultura, quella che stiamo ancora vivendo.