• Opera

    • 1908 F.C. Inter
      • Descrizione
      • Indice
      • Note biografiche
    • Mauro Colombo      Luigi Ferro      Maurizio Harari      Andrea Maietti      Roberto Torti     

      1908 F.C. Inter

      Le storie

      • Descrizione
      • Indice
      • Note biografiche

      Descrizione

      La travolgente storia della squadra più pazza d’Italia (mai retrocessa in B), raccontata e colorata in nero e in azzurro. Dall’Inter delle origini all’Ambrosiana che si esibiva all’Arena, da Angelo a Massimo Moratti, passando per l’epoca di Fraizzoli e di Pellegrini, fino all’Inter cinese dell’ultimo scudetto.

      L’indimenticabile Peppino Meazza, “Veleno” Lorenzi e “Nacka” Skoglund, la “grande Inter” di Herrera con Facchetti, Mazzola e Corso e quella di Altobelli e Beccalossi; lo scudetto dei record del Trap e le gioie e i dolori di Ronaldo il “Fenomeno”; l’Inter del Triplete e del suo profeta Mourinho per finire a quella recentissima di Conte e Lukaku, sono solo alcuni dei capitoli sulle vicende ultracentenarie di una squadra che ha riservato, e riserva ancora adesso, estasi e sconforti, batticuori e passioni (con buona pace delle storiche rivali).

      Indice

      Prefazione di Maurizio Cucchi - Dalle origini al Campionato nazionale a girone unico (1908-1927) - L'Ambrosiana e l'Arena (1927-1945) - Il secondo dopoguerra (1946-1955) - Gli anni di Angelo Moratti e della “Grande Inter” (1955-1968) - L'era Fraizzoli (1968-1984) - Il decennio Pellegrini (1984-1994) - Gli anni “perdenti” di Massimo Moratti (1995-2006) - Gli anni vincenti di Massimo Moratti (2006-2013) - L’Inter cinese (2013-2021).

      Note biografiche

      Mauro Colombo, giornalista, è nato nel 1965, anno solare durante il quale i nerazzurri vinsero tutto quello che c’era da vincere. È dunque interista per destino e dna. Intorno al nerazzurro ha scritto in Cent’anni da interisti (2008) e di Giuseppe Meazza ne L’ultimo dribbling del Balilla (2010).

      Luigi Ferro (1963), giornalista, vive spesso in solitaria sofferenza la sua passione nerazzurra. Alla vittoria della Uefa (1998), per non svegliare la piccola Alice, mimò silenziosamente una sfrenata esultanza. Si rifece con gli interessi dodici anni dopo, nella notte di Madrid. Con Giampiero Rossi ha scritto Le memorie di Adriano (quello vero) (2004).

      Maurizio Harari (1953), milanese, interista per sangue materno, insegna archeologia all’università di Pavia. Nei suoi molti viaggi di lavoro, dalle pendici dell’Ararat a Guangzhou, ha sempre incontrato molti interisti. Sospetta che anche i Galli lo fossero, benché a quei tempi, nella Mediolanum sempre allagata, i druidi dovessero spesso sospendere le partite.

      Andrea Maietti (1941), già professore di letteratura inglese, oltre che dell’Inter, è gran tifoso di Hemingway e di Gianni Brera, che una volta lo battezzò suo “biografo ufficiale”, benché stentasse a finire un bicchiere di rosso. Scrive di sport per gratitudine: ha vinto un Bancarella Sport (La lepre sotto la luna, 1997) e ha dedicato un libro a Giacinto Facchetti (Ribot e il menalatte, 2006).

      Roberto Torti (1963), giornalista alla Provincia Pavese, segue il calcio dalla notte del 17 giugno 1970, quando i genitori lo svegliarono urlando al gol di Burgnich. Da lì in poi, solo Inter e due libri in nerazzurro: Settore 4c Fila 72 Posto 35 (2008) e Il Triplete è merito mio (2020). Sogna un mondo più giusto: cioè, senza Juve.

      Le illustrazioni, rigorosamente in nero e azzurro, sono di Osvaldo Casanova, interprete di culto nel mondo del graphic football (thankyoufortheroses.com).

  • Formati libro

    • Brossura
      Dimensioni: 18,5 x 23,5
      Stampa: 2 colori
      Pagine: 496
      ISBN: 9788836004966
      Prezzo: € 29,90

    Formati digitali

    • epub
      ISBN: 9788836004973
      Prezzo: € 16,99
    • Piattaforma: Amazon
      kindle
      ISBN: 9788836004973