Il tuo browser non supporta JavaScript!

Giappone

Giappone
titolo Giappone
sottotitolo Storie di una nazione alla ricerca di se stessa. Dal 1850 a oggi
autore
argomenti Scienze umane Saggi
formato Libro - Rilegato con sovracopertina plasticata
dimensioni 15x23
pagine XIV-482
pubblicazione 02/2020
ISBN 9788820395681
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 27,90

< Condividi >

Un sorprendente racconto della cultura giapponese dall’apertura al mondo a metà Ottocento a oggi; la storia del Giappone raccontata attraverso gli occhi di chi ha accolto questo cambiamento non con la fiducia e l’avida ambizione dei modernizzatori e dei nazionalisti, ma con resistenza, conflitto, disagio. L’autore presenta scrittori di teatro, storie di fantasmi e romanzi polizieschi in cui la modernità stessa è la tragedia, il demonio e il cattivo. Artisti surrealisti e d’avanguardia che disegnano la loro fuga, piloti kamikaze ribelli e bistrattati poveri di città, ipnotizzatori e gangster, uomini alla disperata ricerca dell’eterno femminino e femministe in cerca di qualcosa in più di una sottomissione sancita dallo Stato, buddisti senza morale, gruppi terroristi marxisti: sacche piene da scoppiare con le ricadute psicologiche di una vertiginosa modernizzazione. Nascono tutti dal suolo del moderno Giappone, ma le loro personalità e i loro progetti non sono riusciti ad adattarsi. Sono ‘fiori scuri’: ibridi di Oriente e Occidente che hanno coronato, esplorato e qualche volta trasformato le nuove strutture del Giappone tradizionale.

Indice testuale

Elenco delle mappe. Nota sui nomi giapponesi. Prologo. Intrecci e strappi (1850-1910) - La resistenza è fertile (1900-1930) - Guidare l’Asia / Lasciare l’Asia (1920-1940) - Modernità 2.0 (1940-1960) - Visioni distorte (1950-1990) - Sollevare gli Spiriti (1990-2010). Cronologia. Note bibliografiche. Ringraziamenti. Elenco delle immagini. Indice analitico.

Biografia dell'autore

Christopher Harding, giornalista e storico culturale dell’India e del Giappone moderni, è docente di storia asiatica all’Università di Edimburgo.

Pinterest